• White Facebook Icon
  • White Twitter Icon
  • White YouTube Icon

Fondazione Italiana Cefalee

ONLUS

Obiettivi, Visione, Impegno solidale

Volontari, Ricercatori, Donatori

La Fondazione Italiana Cefalee ONLUS è al fianco di colleghi e amici che stanno impegnandosi con professionalità e abnegazione per combattere e sconfiggere il contagio.

«Io resto in corsia, tu resta a casa» è lo slogan rilanciato dai sanitari per invitare a rispettare le indicazioni e fermare la diffusione del Covid-19.

Facciamolo nostro!

Benvenuti nel nostro sito!

 

F.I.CEF.: una storia che inizia nel 1999

La Fondazione Italiana Cefalee (con il suo acronimo F.I.CEF.) è nata nel 2008, ma la nascita di F.I.CEF è stata solo il terzo tempo di un‘avventura iniziata nel 1999 con un progetto di Vincenzo Bonavita, oggi Professore  Emerito di Neurologia dell’Università di Napoli Federico II, Gennaro Bussone, oggi Primario Emerito dell’Istituto Neurologico “Carlo Besta” di Milano, e Giancamillo Manzoni, che ha concluso di recente la sua carriera di Professore Ordinario di Neurologia nell’Università di Parma.

Il 1999 fu l’anno di nascita dell’Associazione per una Scuola delle Cefalee (ASC), che si proponeva di trasmettere un metodo e promuovere l’acquisizione di conoscenze codificate della ricerca sulle cefalee, con un insegnamento non formale che consentisse ai meno giovani (i tre fondatori della scuola) di insegnare imparando e di riprodurre con i più giovani la retorica scientifica, che diventa virtuosa solo se chi impara insegna e chi insegna impara.

Non a caso tre clinici neurologi e non clinici di altre aree disciplinari, si proposero come organizzatori della scuola, perché le cefalee sono un gande capitolo della Neurologia.

La storia della relazione del mal di testa con il corpo dottrinario della neu­rologia è un frammento della storia della neurologia, ma anche un solo fram­mento di storia può essere cruciale ed è questo il caso. Il sistema nervoso riceve ed elabora stimoli sensoriali allo scopo di generare e controllare com­portamenti adeguati: compito della neurologia è comprendere come il si­stema nervoso svolga questa funzione e quali siano le conseguenze del suo eventuale disordine. Ne deriva che, per recare solo un esempio, se guardiamo all'emicrania come a una malattia complessa che coinvolge la modulazione sensoriale, di fatto guardiamo ad essa come ad un modello di compromissione di una fondamentale funzione nervosa.

Nel 2002 i tre promotori della scuola, questa volta non più soli ma con altri 27 clinici neurologi, diedero vita all’Associazione Neurologica Italiana per la Ricerca sulle Cefalee (ANIRCEF): non veniva perduto il proposito di insegnare ma si voleva dimostrare in concreto che la ricerca scientifica e l’insegnare non sono separabili; il nuovo impegno era quello di facilitare la nascita di progetti condivisi per la ricerca sulle cefalee.

Chi ha voluto insegnare un metodo con ASC e poi ha guardato più lontano con la nascita di ANIRCEF non poteva rinunciare al terzo tempo dell’avventura iniziata nel 1999, e ha dato vita alla F.I.CEF., per sostenere, nell’incerto contesto finanziario della ricerca scientifica in Italia, la ricerca sulle cefalee anche da parte di coloro che non fossero partecipi della vita di ASC o soci di ANIRCEF, per cogliere e far diventare operativo quell’entusiasmo che è il vero motore della ricerca scientifica in qualunque area disciplinare. F.I.CEF. si è ispirata a Platone e all’apologia di Socrate: ”mentre veniva preparata la cicuta, Socrate imparava un’aria sul flauto” “…a cosa ti servirà?” gli fu chiesto:” A saper quest’aria prima di morire” È il concetto del servire che viene rimodulato,  non essendo l’utilità del servire che viene proposta come unità di misura ma la conoscenza in sé. La risposta di Socrate ha ispirato ASC e ANIRCEF, quando hanno promosso la nascita di F.I.CEF.

La sistematica delle cefalee parte dalla loro distinzione in primarie e secondarie; l’incidenza/prevalenza di queste ultime è ben minore che non quella delle cefalee primarie, ma tra le primarie è l’emicrania a dominare la scena, anche se non è quella di più elevata incidenza/prevalenza tra le primarie. Dopo un impegno pluridecennale della ricerca, essa rimane ancora in parte un enigma fisiopatologico ma non senza una prospettiva di cura, che ha vissuto l’arrivo dei triptani, e sta vivendo ora quella degli anticorpi monoclonali.

La ricerca sull’emicrania, fisiopatologica e terapeutica, è tra gli obiettivi di F.I.CEF., ma un obiettivo non minore è l’assistenza del paziente cefalalgico, che anche nel caso delle cefalee primarie può risultare gravemente invalidante.

 

F.I.CEF. vuole dare il suo aiuto a tutti coloro per i quali il mal di testa, primario o secondario, ha cambiato la qualità della vita.

Professor Vincenzo Bonavita

Presidente F.I.CEF.

Per avere informazioni corrette e approfondimenti sull'emicrania, vi invitiamo a visitare l'Area Pazienti del sito della Associazione Neurologica Italia per la lotta alle Cefalee, cliccando sul link riportato qui sotto:

XII giornata nazionale del mal di testa.

Sostieni

la ricerca

Sperimenta la bellezza
del dono

"Una buona testa e un buon cuore sono sempre una formidabile combinazione"

Nelson Mandela

F.I.CEF ONLUS

FONDAZIONE ITALIANA CEFALEE

 

Via Celoria 11 - 20133 Milano

Tel. +39 02 268 4799

Fax +39 02 2668 4799

Mail: segreteria@ficef.org

C.F. 95111730636

Num RPG 1455

© 2020  FICEF. Created by Imagine |  Terms of Use  |   Privacy Policy